Ricerca a testo integrale

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Rio+20: il Consiglio federale conferisce il mandato negoziale

Berna, 09.03.2012 - Dal 20 al 22 giugno 2012 si svolgerà a Rio de Janeiro (Brasile) la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile «Rio+20», nel cui ambito dovrebbe fra l’altro essere definito il contributo che l’economia verde può dare allo sviluppo sostenibile e alla riduzione della povertà. I negoziati sull’accordo Rio+20 inizieranno il 19 marzo 2012 a New York. Il 9 marzo 2012 il Consiglio federale ha conferito il mandato alla delegazione negoziale.

I temi principali del vertice delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, previsto nel giugno 2012 a Rio de Janeiro, sono l'esame del contributo che l'economia verde può dare allo sviluppo sostenibile e alla riduzione della povertà e il rafforzamento delle istituzioni che si occupano dello sviluppo sostenibile a livello internazionale. Le Nazioni Unite intendono inoltre rinnovare e rafforzare l'impegno politico a favore dello sviluppo sostenibile. I negoziati in vista del vertice del mese di giugno, che dopo il 1992 si svolge per la seconda volta a Rio, motivo per il quale è stato denominato «Rio+20», avranno inizio il 19 marzo 2012 a New York. Tali negoziati si basano sul cosiddetto «zero draft» pubblicato il 10 gennaio 2012 dalle Nazioni Unite con il titolo «The future we want» («Il futuro che vogliamo»).

La delegazione svizzera, guidata dall'ambasciatore Franz Perrez, capo della divisione Affari internazionali dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), si impegnerà affinché nel quadro dei negoziati tutti gli aspetti dello sviluppo sostenibile vengano considerati con equità. Il 9 marzo 2012 il Consiglio federale ha deciso in tal senso al momento di definire il mandato negoziale svizzero. Per quanto riguarda la rappresentanza del Governo al vertice ministeriale del 20-22 giugno 2012, il Consiglio federale deciderà al più tardi a inizio giugno.

Tabella di marcia per un'economia verde (Green Economy Roadmap)

La Svizzera si impegnerà nei termini stabiliti dal mandato del Consiglio federale, affinché la comunità internazionale si accordi nell'ambito della Conferenza Rio+20 su una serie di obiettivi e misure concreti per un'economia verde nel contesto dello sviluppo sostenibile e della riduzione della povertà e fissi delle scadenze per la loro realizzazione. Se possibile, questa procedura deve essere definita in una tabella di marcia per l'economia verde. La Svizzera si impegnerà per un accordo su obiettivi e misure concreti nei seguenti ambiti:

  • elaborazione di piani d'azione nazionali per un'economia verde che tengano conto delle esigenze, delle priorità e dei processi politici dei Paesi e siano compatibili con le strategie di lotta contro la povertà;
  • perfezionamento dell'efficienza delle risorse e riduzione dell'inquinamento ambientale dovuto alle attività economiche lungo tutto il loro ciclo;
  • maggiore considerazione e rendicontazione dello sviluppo sostenibile da parte delle principali aziende pubbliche e private;
  • promovimento di acquisti pubblici sostenibili;
  • miglioramento della trasparenza del mercato e del commercio mediante informazione sull'inquinamento ambientale dei prodotti lungo l'intero ciclo di vita e della possibilità di differenziare i prodotti in base alle condizioni di fabbricazione;
  • soppressione graduale dei sovvenzionamenti per i vettori energetici fossili;
  • ottimizzazione della misurazione dell'impatto ambientale della produzione economica e del consumo quale contributo alla valutazione integrale del benessere.

L'ultimo capitolo della bozza del documento negoziale prevede un piano d'azione. Tale piano deve contenere misure concernenti la sicurezza alimentare, l'acqua, l'energia, la riduzione dei rischi di catastrofe, la formazione e le pari opportunità o le cosiddette professioni verdi (green jobs). Quale misura concreta, la Svizzera sostiene ad esempio la creazione di un programma decennale che promuove il consumo e una produzione sostenibili.

Miglioramento e rafforzamento della governance internazionale della sostenibilità

Per realizzare uno sviluppo sostenibile ci vogliono istituzioni corrispondenti a livello nazionale e internazionale. Le istituzioni create in occasione di vertici precedenti, ossia il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) nel 1972 e la Commissione delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (CSD) nel 1992, non sono abbastanza efficaci e devono quindi essere riorganizzate.

La Svizzera si impegnerà per un rafforzamento della governance internazionale dello sviluppo sostenibile. I progressi vanno quindi verificati a scadenze regolari e trattati ai massimi livelli politici. Inoltre, la Svizzera si impegna affinché la società civile sia meglio coinvolta nella discussione, nello sviluppo e nella realizzazione della politica sullo sviluppo sostenibile. La Svizzera auspica la creazione di un Consiglio mondiale per lo sviluppo sostenibile (Global Sustainability Council) subordinato direttamente all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La bozza del documento negoziale illustra anche i modelli di obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) sostenuti dalla Svizzera. Tali obiettivi devono considerare in modo equo tutti gli aspetti dello sviluppo sostenibile (ambiente, economia, società) e devono essere verificabili, limitati nel tempo e universali. La loro realizzazione deve infine avvenire su base volontaria in modo che i Paesi possano concretizzarli secondo le loro possibilità.

Per ulteriori informazioni:

Franz Perrez, capo della divisione Affari internazionali, UFAM, 079 251 90 15

Pubblicato da

Il Consiglio federale
Internet: http://www.admin.ch/br/index.html?lang=it
Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
Internet: http://www.uvek.admin.ch/index.html?lang=it
Direzione dello sviluppo e della cooperazione
Internet: http://www.deza.admin.ch/index.php?langID=7
Segreteria di Stato dell'economia
Internet: http://www.seco.admin.ch
Ricerca a testo integrale



http://www.uvek.admin.ch/dokumentation/00474/00492/index.html?lang=it