Nuove misure a sostegno dei media

Presseförderung 2 teaser

Per la nostra democrazia diretta, i media sono di centrale importanza. Informano la popolazione e in questo modo rendono possibili importanti dibattiti. Il calo dei ricavi li sta però mettendo in difficoltà. Per migliorare le condizioni quadro per i media e promuovere un'offerta variata nelle regioni, il Consiglio federale ha deciso di sostenerli con un pacchetto di misure. Durante la sua seduta del 29 aprile 2020 ha adottato il messaggio all'attenzione del Parlamento. Oltre a un potenziamento della promozione indiretta della stampa, il Consiglio federale prevede un sostegno dei media online e misure generali a favore dei media elettronici. L'indipendenza dei media continua ad essere preservata. Il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno approvato il disegno, con alcune modifiche, rispettivamente il 18 giugno 2020 e il 2 marzo 2021. L’appianamento delle divergenze tra il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale avverrà presumibilmente durante la sessione estiva.

Nella nostra democrazia diretta i media rivestono un ruolo centrale. A causa dello sviluppo degli anni passati, i media locali devono far fronte a un notevole calo dei ricavi provenienti dalla pubblicità e dal pubblico. Ne sono conseguiti uno smantellamento di posti di lavoro, la fusione di redazioni e un calo della pluralità mediatica, soprattutto nelle regioni. Ad agosto 2019 il Consiglio federale si è pertanto espresso a favore di un pacchetto di misure con cui intende migliorare le condizioni quadro per i media, rafforzare la pluralità mediatica e sostenere la digitalizzazione del settore. Con il messaggio presentato all'attenzione del Parlamento, il Consiglio federale concretizza le sue proposte. In aggiunta al potenziamento della promozione indiretta della stampa, il Consiglio federale prevede un sostegno per i media online e misure generali a favore dei media elettronici. Con gli strumenti prescelti, l'indipendenza dei media continua a essere preservata. Il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno approvato il disegno del Consiglio federale. Entrambe le Camere hanno inoltre deciso di rafforzare ulteriormente la promozione indiretta della stampa e di aumentare la quota dei proventi del canone radiotelevisivo destinata alle radio locali e alle emittenti televisive regionali.

Ampliamento della promozione indiretta della stampa

La stampa beneficia già oggi di riduzioni sui costi della distribuzione postale dei giornali. Per preservare la pluralità della stampa, la promozione indiretta della stampa va ampliata a tutti i quotidiani e i settimanali in abbonamento. A tal fine, il limite massimo della tiratura di 40'000 copie attualmente in vigore viene soppresso, cosicché ora anche testate nazionali possono approfittare del sostegno. Inoltre, beneficeranno ora della promozione anche i giornali appartenenti a una rete di edizioni locali con propria testata la cui tiratura media complessiva supera i 100'000 esemplari per edizione.

Con queste due misure, in futuro circa 35 milioni di copie in più potranno trarre beneficio dalla promozione indiretta della stampa ogni anno. Affinché anche le testate con una tiratura meno elevata siano sgravate, il contributo federale aumenta dagli attuali 30 milioni di franchi a 50 milioni di franchi. In questo modo tutte le testate aventi diritto alla promozione potranno beneficiare di una riduzione più consistente sul prezzo di distribuzione per esemplare.

Oltre alle misure proposte dal Consiglio federale, il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno deciso di sostenere in futuro anche il recapito mattutino della stampa quotidiana e settimanale con lo stanziamento di 40 milioni di franchi. Il sostegno a favore della stampa associativa e delle fondazioni viene innalzato dagli attuali 20 milioni di franchi a 30 milioni di franchi.

Queste misure vengono attuate tramite una modifica della legge sulle poste. Il Consiglio federale effettuerà in seguito le necessarie modifiche all'ordinanza sulle poste.

Promozione dei media online

La popolazione si informa infatti sempre di più attraverso le offerte su Internet. Per sostenere il settore dei media nella trasformazione digitale, occorre promuovere anche i media online. A tal fine il Consiglio federale intende mettere a disposizione 30 milioni di franchi l'anno provenienti dalle risorse generali della Confederazione pari. Saranno sostenuti i media online che possono contare su ricavi provenienti dai lettori. Sono prese in considerazione entrate provenienti da abbonamenti online, forfait giornalieri o singole visualizzazioni, nonché contributi volontari da parte dei lettori. Per gli editori viene così creato un ulteriore incentivo a sviluppare offerte digitali per un pubblico propenso a pagare. Come per la promozione indiretta della stampa, il sostegno è vincolato a condizioni formali, quali per esempio una chiara separazione tra contenuti redazionali e pubblicitari, l'orientamento a un vasto pubblico e il riconoscimento delle direttive del settore in merito alla prassi giornalistica. Questa misura sarà attuata tramite una nuova legge e avrà una validità di 10 anni.

Il sostegno sarà commisurato al fatturato realizzato tramite il pubblico e impostato in modo proporzionalmente decrescente. In tal modo la quota del sostegno diminuisce con l'aumentare del fatturato. Ciò porta a un sostegno maggiore delle offerte mediatiche con un orientamento regionale. Sarà tenuto conto delle dimensioni del mercato della relativa regione linguistica.

Il Consiglio degli Stati ha seguito la proposta del Consiglio federale. Oltre alle proposte del Consiglio federale e del Consiglio degli Stati, il Consiglio nazionale vuole sostenere anche i media online che entrano sul mercato (start up). La Camera bassa ha inoltre deciso di fissare la quota massima del sussidio al 60 per cento del fatturato computabile, mentre il Consiglio federale e il Consiglio degli Stati sono a favore di una quota massima pari all’80 per cento.

Altre misure per l'intero sistema mediatico svizzero

Oltre alle misure di promozione, il Consiglio federale intende migliorare le condizioni quadro dei media elettronici con diverse altre misure. Tra queste rientra il sostegno per gli istituti di formazione e formazione continua, le agenzie di stampa nazionali o le organizzazioni di autoregolamentazione. Queste istituzioni sono di notevole importanza per il sistema dei media.

Il Consiglio federale prevede inoltre di sostenere progetti informatici, soprattutto quelli di cui può beneficiare l'intero settore. A trarne vantaggio, indifferentemente dal modello commerciale, sono tutti i media online e pertanto anche le offerte gratuite. È ipotizzabile, per esempio, che sia sostenuta la realizzazione di una piattaforma comune.

Per attuare tali misure è necessario adeguare la legge sulla radiotelevisione. Il finanziamento è previsto con il 2 per cento massimo dei proventi del canone radiotelevisivo.

Entrambe le Camere hanno approvato, con alcune modifiche, le ulteriori misure a favore del sistema dei media e hanno deciso di innalzare dall’attuale 6 per cento all’8 per cento la quota dei proventi del canone radiotelevisivo destinata alle radio locali e alle emittenti televisive regionali.

Interviste

Interviste e articoli della consigliera federale Simonetta Sommaruga

«Unsere Demokratie braucht die Medien»
Schweizer Journalist, 23.10.2019

Ufficio federale competente

Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM

Legge sui media elettronici

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/communicazione/nuove-misure-a-sostegno-dei-media.html