Sostegno a favore di un paesaggio mediatico diversificato e indipendente

Presseförderung 2 teaser

I media sono di fondamentale importanza per la nostra democrazia diretta. Essi informano la popolazione e stimolano dibattiti indispensabili alla libera formazione delle opinioni. Pur avendo un ampio pubblico durante la pandemia, i giornali, le radio, le televisioni e i media online subiscono un forte calo delle entrate. Durante la sessione di giugno 2021, le Camere federali hanno quindi approvato un pacchetto di misure volte a migliorare le condizioni quadro e incoraggiare un'offerta diversificata nelle regioni del Paese. L'indipendenza dei media continua a essere garantita.

In una democrazia, media indipendenti e diversificati adempiono una funzione importante sul piano statale e politico. Tuttavia, dal punto di vista economico, la loro è una situazione sempre più difficile: i ricavi della pubblicità e degli abbonamenti conseguiti dai giornali diminuiscono costantemente. Anche se le entrate provenienti dalla pubblicità online aumentano, non sono i media online nazionali a beneficiarne. Inoltre i lettori sono poco propensi a pagare per le informazioni online.

Per affrontare questa problematica, il Consiglio federale ha elaborato un messaggio concernente misure di sostegno ai media che possano esplicare i loro effetti in tempi rapidi. Dopo diversi passaggi tra le due Camere e alcuni adeguamenti, il 18 giugno 2021 il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno adottato il pacchetto di misure per un importo di 150 milioni di franchi annui.

Ampliamento della promozione indiretta della stampa

La stampa beneficia già oggi di riduzioni sui costi della regolare distribuzione postale dei giornali. Questa promozione indiretta sarà ampliata a tutti i quotidiani e settimanali in abbonamento, anche se la loro tiratura supera le 40 000 copie. In tal modo, anche le testate nazionali potranno beneficiare del sostegno, purché soddisfino tutti gli altri criteri. Inoltre, beneficeranno della promozione i giornali appartenenti a una rete di edizioni locali con propria testata, la cui tiratura media complessiva supera i 100 000 esemplari per edizione.

Con queste due misure, in futuro circa 35 milioni di copie in più potranno ogni anno trarre beneficio dalla promozione indiretta della stampa. Affinché le testate con una tiratura meno elevata possano beneficiare del sostegno, il contributo federale aumenterà. In questo modo tutte le testate beneficiarie della promozione potranno ottenere una riduzione più elevata sul prezzo di distribuzione per copia rispetto ad oggi.

Oltre alle misure proposte dal Consiglio federale, il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno deciso di sostenere il recapito mattutino e domenicale della stampa quotidiana e settimanale, con lo stanziamento di 120 milioni di franchi per la distribuzione regolare e mattutina dei quotidiani e settimanali in abbonamento come pure della stampa associativa e delle fondazioni.

Media online

L'offerta informativa online acquista sempre più importanza. Al fine di agevolare la trasformazione digitale del settore, Consiglio federale e Parlamento hanno deciso di erogare un contributo ai media online pari a 30 milioni di franchi all'anno. I contributi versati non devono superare il 60 per cento del fatturato dell'impresa.

Saranno sostenuti i media online che possono contare su ricavi provenienti dai lettori. Saranno prese in considerazione le entrate provenienti dagli abbonamenti online, dai contenuti su richiesta nonché dai contributi volontari da parte dei lettori. Gli editori avranno così un ulteriore incentivo a sviluppare offerte digitali per un pubblico propenso a pagare.

Come per la promozione indiretta della stampa, il sostegno è vincolato a condizioni formali, quali per esempio una chiara separazione tra contenuti redazionali e pubblicitari o l'orientamento a un vasto pubblico. Un sostegno maggiore è dato alle offerte mediatiche aventi un orientamento regionale. D'altronde il progetto contiene una clausola «holding» volta a garantire un equilibrio tra i grandi editori e le aziende mediatiche più piccole, al fine di evitare una maggiore concentrazione nel settore.

Radio locali e televisioni regionali

Al fine di migliorare le condizioni quadro dei media elettronici, è previsto un sostegno agli istituti di formazione e formazione continua, alle agenzie di stampa nazionali e agli organismi di autoregolamentazione. Inoltre la quota di partecipazione al canone accordata alle radio locali e alle televisioni regionali beneficiarie di concessione può aumentare fino all'8 per cento al massimo dei proventi del canone. Queste misure sono finanziate dal canone radiotelevisivo.

Nuova valutazione dopo le prime esperienze

Le misure a favore della stampa e dei media online dovrebbero rimanere in vigore per sette anni. Dopo quattro anni si procederà a una valutazione del sostegno ai media online. Ciononostante è stato annunciato un referendum contro il progetto.  

Interviste

Interviste e articoli della consigliera federale Simonetta Sommaruga

«Unsere Demokratie braucht die Medien»
Schweizer Journalist, 23.10.2019

Ufficio federale competente

Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM

Legge sui media elettronici

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/communicazione/nuove-misure-a-sostegno-dei-media.html