Il consigliere federale Albert Rösti firma il trattato con l’Austria per una maggiore protezione contro le piene lungo il Reno

Berna, 17.05.2024 - La Svizzera e l'Austria rafforzano la protezione contro le piene lungo il Reno alpino. Il consigliere federale Albert Rösti e il ministro austriaco Norbert Totschnig hanno firmato oggi un trattato volto a migliorare la sicurezza nella valle del Reno e a ripristinare il tracciato naturale del fiume.

Con il nuovo trattato, la Svizzera e l'Austria rinnovano l'impegno comune per la protezione e l'utilizzo del Reno alpino. Tale trattato, quarto nel suo genere (dopo quelli del 1892, 1924 e 1954), contiene disciplinamenti e misure volti a ridurre i rischi di piena nella valle del Reno tra la foce dell'Ill e il lago di Costanza. Tra le altre cose, saranno rinnovate o risanate le opere di protezione contro le piene lungo un tratto di circa 26 chilometri e sarà aumentata la capacità di deflusso. A tal fine, è stato elaborato un progetto di protezione contro le piene per il Reno alpino sotto l'egida della Correzione internazionale del Reno (IRR), la cui conclusione è prevista per il 2052.

Trattato Svizzera-Austria: una tradizione con un futuro

Il nuovo trattato rappresenta un ulteriore passo nel quadro della collaborazione tra la Svizzera e l'Austria in materia di regolazione del Reno alpino; una collaborazione che va avanti da oltre 130 anni. La firma ha avuto luogo nell'ambito di una cerimonia alla presenza del consigliere federale Albert Rösti e del ministro austriaco Norbert Totschnig nonché di altri rappresentanti della Svizzera e dell'Austria così come del Land Voralberg e del Cantone di San Gallo. In tale occasione, i due Stati hanno sottolineato l'importanza della collaborazione transfrontaliera e del dialogo nel quadro della protezione contro le piene. Nel suo discorso, il consigliere federale Albert Rösti ha inoltre ricordato che il trattato aumenterà la sicurezza nella valle del Reno, e questo nel rispetto della natura e delle esigenze della popolazione.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media
Telefono: +41 58 462 90 00
E-mail: medien@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/datec/media/comunicati-stampa.msg-id-101064.html