Seconda tappa della Roadmap mobilità elettrica fino al 2025

Berna, 16.05.2022 - La Roadmap mobilità elettrica, portata avanti con successo dal 2018, viene rafforzata e prolungata fino al 2025. Alti rappresentanti dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare nonché Confederazione, Cantoni, Città e Comuni hanno lanciato con la propria firma questa nuova tappa il 16 maggio 2022 a Bienne. Attraverso una vasta gamma di misure nuove o aggiornate gli attori coinvolti vogliono raggiungere insieme entro la fine del 2025 nuovi ambiziosi obiettivi.

L'obiettivo della prima tappa della roadmap, durata dal 2018 al 2022, era portare al 15 per cento entro il 2022 la quota di automobili con spina tra le nuove immatricolazioni. Grazie al forte impegno del settore e al desiderio diffuso tra la popolazione di una mobilità più rispettosa del clima questo obiettivo è stato raggiunto prima del previsto. La consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del DATEC, ha quindi proposto di prolungare la roadmap sino alla fine del 2025 con obiettivi più ambiziosi. I nuovi obiettivi per il 2025 sono stati sviluppati congiuntamente nell'ambito di diversi workshop, di un incontro tra i vertici dei settori interessati e di una consultazione scritta degli attori della roadmap. Inoltre, gli attori già esistenti e nuovi soggetti interessati sono stati invitati ad adattare le proprie misure ai nuovi obiettivi o a presentarne di nuove.

I nuovi obiettivi 2025

Per la nuova fase sono stati subito definiti tre nuovi obiettivi. La quota di veicoli con spina (auto elettriche pure e ibride plug-in) tra le nuove immatricolazioni dovrà raggiungere il 50% entro la fine del 2025. Nel primo trimestre del 2022 tale quota aveva già raggiunto il 25,5%. Entro la fine del 2025 saranno disponibili 20'000 stazioni di ricarica pubbliche. All'inizio del 2022 ne erano presenti in Svizzera circa 7'150 (vedi: www.pieno-di-elettricita.ch). Infine è stato definito anche l'obiettivo qualitativo «Ricarica a misura di utente e al servizio della rete – a domicilio, presso la sede di lavoro, in viaggio». Per raggiungere questi tre obiettivi gli attori della roadmap si impegnano con misure volontarie nei propri rispettivi campi d'azione.

Le nuove misure

L'invito ad adottare nuove misure è stato seguito attivamente. 59 organizzazioni hanno dato forma alla Roadmap 2025 con 75 misure, di cui 44 nuove e 31 adattate o prolungate. Uno dei cardini di questa nuova tappa sono le misure comuni tra gli attori per affrontare sfide particolarmente rilevanti: la ricarica negli edifici con più unità abitative, la ricarica nel quartiere e l'economia circolare delle batterie di trazione (riutilizzo come batterie di seconda vita e riciclaggio).

Firma

Gli attori hanno suggellato l'inizio di questa nuova tappa con la propria firma il 16 maggio 2022 in occasione di un evento tenutosi insieme alla consigliera federale Simonetta Sommaruga presso lo Switzerland Innovation Park di Bienne. Il capo del DATEC ha ringraziato gli attori della roadmap per il loro grande impegno e il loro importante contributo alla decarbonizzazione del trasporto stradale e alla mobilità sostenibile.

La roadmap dell'elettromobilità è aperta anche ad altre organizzazioni e imprese che vogliano contribuire al raggiungimento degli obiettivi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DATEC: tel. 058 462 55 11
Servizio stampa Ufficio federale delle strade (USTRA): tel. 058 464 14 91
Servizio stampa Ufficio federale dell’energia (UFE): tel. 058 460 81 52
Servizio Roadmap mobilità elettrica: tel. 032 933 88 69



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale delle strade USTRA
http://www.astra.admin.ch

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/datec/media/comunicati-stampa.msg-id-88817.html