Obiettivi strategici per Swisscom

Obiettivi strategici del Consiglio federale per Swisscom SA 2018 – 2021

Introduzione

La Confederazione è il principale azionista di Swisscom SA e ne detiene la maggio-ranza del capitale e dei voti. Gli interessi azionari della Confederazione sono tutelati dal Consiglio federale, che tiene tuttavia conto dell’autonomia imprenditoriale di Swisscom SA nel quadro dell’articolo 3 della legge del 30 aprile 19971 sull’azienda delle telecomunicazioni (LATC). In qualità di azionista il Consiglio federale ricono-sce la libertà decisionale del consiglio di amministrazione riguardo alla strategia imprenditoriale e alla linea politica da adottare. La Confederazione rispetta altresì il principio dell’indipendenza dei media dallo Stato. Il ruolo di azionista di maggioranza della Confederazione è separato, a livello istituzionale, da quello di organo regolatore e di autorità di sorveglianza sul mercato delle telecomunicazioni.

In virtù dell’articolo 6 LATC, il Consiglio federale definisce ogni quattro anni gli obiettivi che la Confederazione intende raggiungere a lungo termine in qualità di azionista di maggioranza dell’azienda. Gli obiettivi strategici riguardano la Swisscom SA e le società del gruppo in Svizzera e all’estero (nel seguito «Swisscom»). La Confederazione si impegna quindi, a cadenza quadriennale, a rispettare obiettivi coerenti e a lungo termine, e con la loro pubblicazione crea trasparenza per gli investitori privati. Gli obiettivi strategici non contengono prescrizioni operative.

Oltre a definire gli obiettivi strategici, la Confederazione può esercitare un influsso sull’azienda attraverso gli strumenti che le sono messi a disposizione, in quanto azionista di maggioranza, dal diritto delle società anonime, vale a dire la possibilità di influire sulla composizione del consiglio di amministrazione e il fatto di disporre della maggioranza dei voti all’assemblea generale. Secondo gli attuali statuti di Swisscom, la Confederazione ha inoltre il diritto di delegare due suoi rappresentanti nel consiglio di amministrazione, ai quali può dare istruzioni. Un’istruzione del Consiglio federale è rivolta esclusivamente a detti rappresentanti. Ciò non esime gli altri membri del consiglio di amministrazione dalla responsabilità di operare nell’interesse generale dell’azienda. Il Consiglio federale non esercita il proprio influsso su Swisscom in modo diverso da quello citato.

1 Obiettivi strategici principali

Il Consiglio federale si attende da Swisscom che:

1.1 sia gestita secondo principi di economia aziendale, sia competitiva e operi in funzione della clientela; che sviluppi, produca e commercializzi con successo infrastrutture di rete e relativi servizi sui mercati convergenti delle telecomunicazioni, delle tecnologie dell’informazione, della radiodiffusione, dei media e dell’intrattenimento, contribuendo così alla digitalizzazione di tutte le regioni della Svizzera;

1.2 in Svizzera offra, in particolare, servizi di trasmissione voce e dati su rete fissa e mobile, servizi informatici, contenuti (content) e servizi di rete per altre società di telecomunicazione tenendo conto degli interessi del Paese in materia di sicurezza, garantendo il servizio universale prescritto dalla legge e applicando le regole di accesso nell’interesse di un’equa concorrenza.

A questo scopo, con la sua offerta, Swisscom persegue i seguenti obiettivi principali:

a. clienti privati e piccole e medie imprese: concezione di un’offerta adeguata alle esigenze della clientela e mantenimento della posizione di leader nel mercato nazionale della connettività (voice, banda larga, TV);

b. grandi clienti: concezione di un’offerta adeguata alle esigenze nazionali e internazionali, raggiungimento e mantenimento di una posizione forte sul mercato della clientela commerciale per servizi convergenti nell’ambito della comunicazione e dell’informatica;

c. rete e informatica: messa a punto ed esercizio di un’infrastruttura informatica e di rete orientata al futuro, tenendo conto delle esigenze di mercato, dello sviluppo tecnologico e della sicurezza (in particolare garanzia del segreto delle telecomunicazioni e della protezione dei dati);

1.3 in Italia (Fastweb) persegua una strategia finalizzata a fornire un contributo positivo sul lungo termine;

1.4 disponga di un sistema di gestione del rischio aziendale, basato sulla norma ISO 31000;

1.5 nel quadro delle possibilità aziendali persegua una strategia d’impresa sostenibile rispettosa dei principi etici.

2 Obiettivi finanziari

Il Consiglio federale si attende da Swisscom che:

2.1 assicuri e accresca a lungo termine il suo valore d’impresa; dimostri, in ter-mini di reddito globale (comprendente la distribuzione dei dividendi e l’evoluzione del corso delle azioni), una performance paragonabile a quella di imprese simili attive sui mercati europei;

2.2 applichi una politica di distribuzione dei dividendi improntata al principio della continuità e, rispetto ad altre società svizzere quotate in borsa, garantisca un tasso di rendimento azionario attrattivo. A tale proposito vanno tenute in considerazione le esigenze per un’attività di investimento sostenibile, una quota di capitale proprio proporzionata al rischio e alle consuetudini del settore come pure un accesso libero e rapido ai mercati dei capitali;

2.3 limiti il suo indebitamento netto al massimo a 2,1 volte il valore dellʼEBITDA; sono ammessi temporanei superamenti di questa quota.

3 Obiettivi in materia di politica del personale

Il Consiglio federale si attende da Swisscom che:

3.1 persegua una politica del personale socialmente responsabile e moderna e, nel quadro dei diritti di consultazione, la sviluppi ulteriormente con i partner sociali orientandosi alle esigenze future;

3.2 si presenti sul mercato come datore di lavoro attrattivo per poter disporre di personale competente con cui instaurare rapporti di collaborazione durevoli;

3.3 versi ai collaboratori salari corrispondenti agli standard di mercato e alle prestazioni fornite. Le quote variabili degli stipendi si basano su criteri stabiliti in precedenza e tengono conto dei risultati a lungo termine;

3.4 promuova e adegui alle esigenze future lo sviluppo professionale, la qualificazione e la competitività sul mercato del lavoro dei collaboratori mediante solide possibilità di formazione e perfezionamento.

4 Cooperazioni e partecipazioni

Il Consiglio federale si attende da Swisscom che instauri cooperazioni (partecipazioni, alleanze, fondazione di società o altre forme di collaborazione) solamente se contribuiscono ad accrescere il suo valore d’impresa a lungo termine, se possono essere seguite adeguatamente dal punto di vista gestionale e se tengono sufficiente-mente conto dei fattori di rischio. All’estero non sono ammesse partecipazioni in imprese di telecomunicazione con un mandato di fornitura del servizio universale. Sono invece ammesse altre partecipazioni in imprese estere se rafforzano il core business nazionale e se seguono un’altra logica strategico-industriale.

5 Adeguamento degli obiettivi strategici

Il Consiglio federale si riserva il diritto di adeguare, all’occorrenza e previa consultazione di Swisscom, gli obiettivi strategici in funzione dell’evoluzione del contesto aziendale.

6 Rendiconto

6.1 Il Consiglio federale si attende da Swisscom che curi uno scambio di informazioni con i rappresentanti della Confederazione, analogamente a quanto avviene nei regolari incontri con gli analisti e gli investitori. Al riguardo, si terrà conto della parità di trattamento degli azionisti.

6.2 Alla chiusura di ogni anno d’esercizio, il consiglio di amministrazione di Swisscom presenta al Consiglio federale un rapporto sul grado di raggiungimento degli obiettivi strategici.

Contatto

Segreteria generale
Dipartimento federale dell'Ambiente, dei Trasporti, dell'Energia e delle Comunicazioni DATEC

Palazzo federale nord
CH-3003 Berna

Tel.
+41 58 462 55 11

info@gs-uvek.admin.ch

Altri contatti

Stampare contatto

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/uvek/bundesnahe-betriebe/swisscom/strategische-ziele-fuer-die-swisscom.html