2020 - Allocuzione di Capodanno della Presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga

Berna, 01.01.2020 - A Capodanno ci auguriàmo di solito «Buon Anno». Quindi desìdero anch’io auguràre a tutti Buon Anno.

Ma, riflettendo un attimo, cosa significa esattamente auguràre un anno «buono»?
Sì, certo, l’anno è buono se non succede nulla di grave ai nostri cari, se siamo in salute e felici.

Ma forse anche se abbiamo successo nel lavoro, buoni voti a scuola e, magari, se alla sera andiamo in panetteria e troviamo ancora il nostro pane preferito…

Ci rendiamo naturalmente conto che l’anno dovrebbe essere «buono» anche per tutte le altre persone - che anche loro vorrebbero essere felici e in salute.
E questo è un augùrio davvero importante.
Solo che non sappiamo bene da dove iniziare per metterlo in pratica.

Io credo che la «mia» panetteria ci sappia fare.

Compro il pane spesso nella panetteria di quartiere, compro lì anche gli amaretti fatti in casa che mi piacciono tanto.

Mi rendo conto, che ogni volta che mi trovo lì, ricevo molto di più di quello che chiedo.

Nella panetteria c’è sempre un buon profumo.
Il pane e le torte sono presentati con amore. Tutti i clienti vengono accolti con un sorriso, molti addirittura chiamati per nome, e, quando c’è tempo, si scàmbiano due parole amichevoli.

La mia panetteria ci dà il buon esempio, come rendere migliore la vita anche per gli altri: in questo posto ci si guarda negli occhi.

Il pane è un alimento di base. Non dimentichiàmo che molti non hanno nemmeno questo. Sono grata che nel nostro Paese tutti pòssano comprarsi il pane.
E desìdero che il prezzo sia giusto, anche per chi coltìva e raccoglie il grano.
Sì, un prezzo giusto che rispetti la terra e la vita sul nostro pianeta.
Tutti noi desideriàmo infatti che anche i nostri nipoti - come anche i nipoti di tutto il mondo - possano continuare ad auguràrsi «Buon Anno» anche in futuro.

In fondo, sappiamo tutti che per stare bene noi, devono stare bene anche gli altri.

Con questo spirito, desidero auguràrvi di cuore «Buon Anno».


Indirizzo cui rivolgere domande

DATEC, Servizio stampa, tel. +41 58 462 55 11



Pubblicato da

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Qui trovate unicamente i discorsi disponibili in italiano. Se state cercando un discorso specifico ma la vostra ricerca non ha dato risultati, consultate le pagine in tedesco, francese o inglese.

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/uvek/medien/reden.msg-id-77698.html