Investimenti nella rete di trasporto

Lavori sui binari
© UFT

La Svizzera dispone di una rete stradale e di una rete ferroviaria fitte ed attrattive, molto apprezzate dagli utenti. Vista la crescente domanda, attualmente esse raggiungono però il limite delle capacità e delle possibilità di finanziamento. Per poter garantire anche in futuro un’offerta di alta qualità, sono necessari ulteriori investimenti nella rete dei trasporti, nelle arterie vitali del nostro Paese.

Rinnovo e ampliamento dell’infrastruttura di trasporto

Fonti: INFOPLAN ARE, GEOSTAT-BFS, swisstopo

Un numero sempre maggiore di utenti utilizza la ferrovia o la strada. A causa della crescente mobilità, nei prossimi anni è prevedibile un ulteriore incremento. È pertanto fondamentale dare nuovi impulsi ai settori ferroviario e stradale e adoperarsi per un’infrastruttura del traffico efficiente.

Ferrovia

Nelle ore di punta e durante il fine settimana i treni sono sempre al completo. Sulle tratte principali spesso tutti i posti a sedere sono occupati e, nelle ore di punta, la ferrovia raggiunge il limite di capacità.

Per rimediare a questa situazione, la Confederazione ha deciso di eliminare le carenze dell'infrastruttura ferroviaria più impellenti e di migliorare l'offerta di collegamenti. Un'offerta migliore comporta tuttavia anche un aumento dei costi per il mantenimento della qualità dell'infrastruttura e per l'esercizio. Con il progetto per il finanziamento e ampliamento dell'infrastruttura ferroviaria (FAIF), la Confederazione garantisce che i fondi a disposizione per il potenziamento, l'esercizio e la manutenzione siano sufficienti e vengano impiegati laddove vi è maggiore necessità.

Grazie al FAIF aumentano i treni in circolazione, la lunghezza dei treni, i posti a sedere e gli spazi sui marciapiedi e nelle stazioni. Il potenziamento della ferrovia verrà attuato gradualmente, nel quadro del Programma di sviluppo strategico PROSSIF. Il Parlamento decide in merito ai pacchetti di potenziamento a intervalli compresi tra 4 e 8 anni. La prima fase di ampliamento 2025, che prevede uscite pari a 6,4 miliardi di franchi, viene finanziata mediante un nuovo fondo (FInFer). Come prossimo passo, il Consiglio federale propone di investire 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria. A fine 2018 il Consiglio federale trasmetterà il relativo messaggio al Parlamento, che ne dibatterà nel 2019.

Strade

La rete delle strade nazionali è sempre più datata, e a causa dei numerosi ponti e gallerie sempre più complessa. Per tale motivo, si registra un incremento dei costi d'esercizio e di manutenzione. Causano spese supplementari anche le richieste sempre più esigenti della popolazione in fatto di inquinamento fonico, protezione contro i pericoli naturali e passaggi faunistici. Inoltre, le auto che circolano sono sempre di più: dal 1990 il traffico sulle autostrade è raddoppiato e le ore di coda sono in aumento. Tutte queste sollecitazioni mettono a dura prova l'infrastruttura.

Al fine di ridurre le code, mediante il messaggio sul programma per l'eliminazione dei problemi di capacità sulla rete delle strade nazionali (PEB) la Confederazione investe in un aumento delle corsie. Il primo pacchetto di misure riguarda tra l'altro i tratti fra Härkingen e Wiggertal; il secondo comprende anche i tratti fra Meyrin/Vernier e Le Vengeron e fra Adelfingen e Winterthur. Ogni quattro anni, il Parlamento decide quali tratti devono essere potenziati. In futuro, le strade nazionali e il traffico d'agglomerato saranno finanziati tramite il fondo infrastrutturale.

Finanziamento sicuro grazie a un fondo per la strada e la ferrovia

La strada e la ferrovia sono strettamente interconnesse. Per questo motivo, la Confederazione investe in entrambi i vettori di trasporto e provvede a un solido finanziamento. Oltre al potenziamento, devono essere assicurati in misura sufficiente anche l'esercizio e la manutenzione. A tal fine, in futuro la Confederazione farà affidamento su un fondo congiunto. Si tratta di un aspetto importante, in quanto le infrastrutture dei trasporti, implicando cifre ingenti, necessitano di una pianificazione sicura e orientata al lungo periodo.

Ferrovia

Il nuovo Fondo per l'infrastruttura ferroviaria (FInFer) sostituirà gli strumenti attualmente utilizzati per finanziare l'esercizio, la manutenzione e il potenziamento dell'infrastruttura ferroviaria. Le lacune finanziarie saranno colmate grazie a entrate supplementari, a cui contribuiranno i principali utenti e gestori dell'infrastruttura ferroviaria (pendolari, utenti ferroviari, Confederazione, Cantoni e le imprese di trasporto stesse). Inoltre, dalle ferrovie ci si attende un aumento dell'efficienza. Il 9 febbraio 2014, Popolo e Cantoni hanno accolto il progetto FAIF. Le relative leggi esecutive sono entrate in vigore il 1° gennaio 2016.

Strade

Il nuovo Fondo per il traffico d'agglomerato e le strade nazionali (FOSTRA) è volto a eliminare i problemi di capacità, a completare la rete delle strade nazionali e a realizzare progetti negli agglomerati. Poiché nel settore stradale le uscite sono in aumento mentre i proventi dell'imposta sugli oli minerali diminuiscono per il minor consumo di carburante delle automobili moderne, occorre un finanziamento solido. Il FOSTRA dovrà quindi apportare più risorse al settore stradale: riceverà i proventi del contrassegno autostradale e il supplemento fiscale sugli oli minerali, destinati già oggi alle strade, ma quest'ultimo subirà un aumento moderato, connesso alle reali esigenze d'investimento. A ciò si aggiungeranno i proventi dell'imposta sugli autoveicoli, che oggi confluiscono invece nella cassa della Confederazione. Inoltre, dato che anche le automobili elettriche utilizzano l'infrastruttura stradale, dal 2020 dovranno versare anch'esse un forfait. Nel febbraio 2015 il Consiglio federale ha adottato il messaggio e lo ha trasmesso al Parlamento. Anche il FOSTRA, non appena il Parlamento avrà deliberato in merito, sottostarà a votazione popolare.

Finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria (FAIF)

Il progetto ferroviario FAIF assicura il rinnovo e l'ampliamento della rete ferroviaria svizzera e indica quali progetti di ampliamento saranno avviati nei prossimi anni.

Ampliamento 2030/35 della rete ferroviaria

La domanda di trasporto ferrovario cresce fortemente. Per migliorare l’offerta, il Consiglio federale propone di investire circa 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per la rete ferroviaria.

Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA)

Il 12 febbraio 2017 Popolo e Cantoni hanno approvato il decreto federale concernente la creazione di un fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (FOSTRA). È così assicurata la possibilità di migliorare la rete di trasporto in tutta Svizzera.

Eliminazione dei problemi di capacità (PEB) sulla rete delle strade nazionali

A causa del forte aumento del traffico sulle strade nazionali negli ultimi anni, in alcuni punti si verificano delle strozzature. Il messaggio concernente il programma per l'eliminazione dei problemi di capacità prevede una soluzione a tappe di tali problemi. Una panoramica dei tratti delle strade nazionali interessati

Glossario sul finanziamento delle infrastrutture di trasporto

I principali concetti e abbreviazioni della politica dei trasporti in breve

Media

Comunicati stampa

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script

Discorsi

Discorsi della consigliera federale Doris Leuthard

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script

Uffici federali competenti

Ufficio federale dei trasporti UFT

Ufficio federale delle strade USTRA
Tema Rete di strade nazionali

Ufficio federale delle strade USTRA
Tema Mobility Pricing

https://www.uvek.admin.ch/content/uvek/it/home/trasporti/investimenti.html